Descrizione Progetto

Chiesa Sant’Odorico

La chiesa di Sant’Odorico detta anche Ulderico si trova nella frazione di Sant’Odorico, nella piazza della frazione. Si nota facilmente perché è molto grande, ha una facciata particolare ed è accompagnata da un bel campanile che svetta appena più ad est del suo perimetro.

L’antica chiesa di epoca rinascimentale, come gran parte di Sacile, venne distrutta da un bombardamento aereo anglo-americano il 5 novembre 1944.

La chiesa attuale venne ideata e progettata dall’ingegner Riccardo Bertoja nel 1950, venne aperta ai fedeli nel 1952 e consacrata dal Vescovo Vittorio De Zanche nel marzo 1954.

La chiesa di San Ulderico in stile moderno con elementi riconducibili allo stile romanico, presenta delle soluzioni architettoniche di notevole interesse.

Quella che sembra una facciata in mattoni rossi con arco a tutto sesto in realtà da origine a un atrio, a cui si accede superando delle colonne di marmo bianco che sorreggono un architrave. Questo stesso colonnato visto da lontano sembra essere un tutt’uno con un portone in legno semplicemente lavorato con ai suoi lati altri due ingressi più piccoli che sono fra loro simmetrici e realizzati con il medesimo materiale. In realtà tutte le aperture si trovano più all’interno della parete in mattoni rossi e sono elementi architettonici della facciata della chiesa.

Sacile-microturismodellevenezie.it

Sopra l’ingresso è facilmente notabile una vetrata decorata.

Internamente la chiesa si presenta ad un’unica navata con, ai lati, degli alti archi a tutto sesto al cui interno si trovano delle belle finestre decorate con scene delle sacre scritture.

Il pavimento richiama con i suoi decori le geometrie presenti nella chiesa.

Al termine dell’aula si apre il presbiterio quadrangolare sopraelevato e coperto da volta a botte concluso da abside semicircolare con catino.

Il soffitto ha travi a vista tutte orizzontali.

Il campanile anch’esso particolare, è elemento della architettura moderna che rimanda con le sue forme e i suoi sei piani di bifore a realtà del passato.

Le prime informazioni su Sant’Odorico risalgono al Trecento quando il territorio era controllato dal Patriarcato di Aquileia. All’epoca esisteva un’antica chiesa detta villa con il nome di villa San Odorici ultra Liquentiam.

La chiesa di Sant’Odorico, ecclesiasticamente dipendeva dalla pieve di San Vigilio di Palse a Porcia, da cui fu smembrata prima del 1562.

La chiesa di Sant’Odorico che era parte del feudo omonimo, secondo le fonti a disposizione, appartenne nei secoli alle famiglie Pelizza, ai Da Porcia, ai Ragazzoni, ai Flangini, ai Biglia e ai Balliana che cedettero la chiesa al clero.

Dove trovarla

La chiesa di Sant’Odorico si trova in viale Pietro Benvenuto 1