Pieve di Soligo 2019-11-09T16:10:20+00:00

Pieve di Soligo-patrocinio Pieve di Soligo

Pieve di Soligo

Pieve di Soligo è una  cittadina della Marca Trevigiana. Geograficamente si trova all’inizio del Quartiere del Piave, quest’ultimo è un territorio delimitato a sud dal fiume Piave e a nord dai rilievi collinari delle Prealpi.

Morfologicamente, Pieve è per due terzi pianeggiante e per l’altro terzo collinare. Il Comune confina a nord con Cison di Valmarino, a sud con Sernaglia della Battaglia, ad est con Refrontolo e Susegana ed ad ovest con Farra di Soligo e Follina.

Il paese conta due frazioni: Barbisano a sud e Solighetto a nord rispetto al centro del paese.

Pieve di Soligo ha un’estensione di 19 km₂ ed una popolazione complessiva di 12.000 abitanti.

Nel territorio comunale scorrono il torrente Lienza ed il fiume Soligo. Il primo passa nella frazione di Barbisano mentre il secondo nella frazione Solighetto.

Storicamente, le prime attestazioni del nucleo abitato risalgono all’epoca romana. Alcune fonti storiche sostengono che il nome del Comune derivi dai termini utilizzati per una suddivisione amministrativa: Pieve di Trevisan la riva destra del fiume Soligo e Pieve del Contà la riva sinistra dell’omonimo corso d’acqua.

Nel corso degli anni Venti del Novecento Pieve di Soligo inglobò per circa 20 anni anche l’amministrazione del territorio Refrontolo che ridivenne autonomo a metà anni Quaranta mantenendo  però la frazione di Barbisano.

Pieve di Soligo per la sua felice posizione geografica viene definita “la perla del Quartier del Piave”.

Diversi sono gli edifici di pregio sia religiosi sia civili presenti in città. Tra questi il Duomo di Pieve di Soligo intitolato a Santa Maria Assunta, la chiesa di Santa Caterina a Barbisano e la chiesa dell’Immacolata Concezione a Solighetto.

E le ville come quella: Villa Chisini, Villa Brandolini, Villa Morona ed il Palazzo Balbi-Valier-Sammartini.

A Pieve di Soligo è nato e ha vissuto un importante poeta del Novecento: Andrea Zanzotto.

Ultime novità

    Un grazie a:

    Alcuni luoghi da visitare

    Qualche piccola sorpresa dal nostro territorio