Cittanova

Cittanova

Sacile è anche gemellata con la città croata di Cittanova. Quest’ultima si trova nella parte istriana della Croazia, infatti, fino al 1945 la città aveva un’altra denominazione cioè: Cittanova d’Istria.

Dista pochi chilometri dai principali centri turistici della regione quali: Parenzo, Umago, Buie.

Ha una popolazione complessiva di poco superiore ai 4.000 abitanti.

Un primo insediamento di epoca medioevale intorno al 600 d.C. la vedeva riconosciuta come Neapolis, successivamente prese il nome di Civitas Nova.

Dal 1100 venne attestata una presenza ecclesiastica anche grazie alla sede vescovile che funse da centro di attrazione per parroci, suore, potenti locali ecc. la situazione rimase invariata fino agli anni Trenta dell’Ottocento.

Rimase legata alla Repubblica di Venezia dal 1358 fino alla sua caduta nel 1797. Passò, in seguito al Trattato di Campoformido al dominio dell’Impero Austriaco dal 1797 al 1803. Nel 1803 Cittanova fu occupata dai Francesi, e quindi posta sotto il governo di Trieste. Nel 1805, per decisione di Napoleone, Cittanova diventò dipendenza del Regno Italico. Dopo la sconfitta di Napoleone nel 1813 e la caduta del Regno Italico ritornò sotto il dominio dell’Impero Austriaco.

Sacile-microturismodellevenezie.it

A Cittanova esiste una piccola comunità di italiani autoctoni, che rappresentano una minoranza residuale di quelle popolazioni italiane che abitarono per secoli questi territori. La presenza di italiani autoctoni a Cittanova è drasticamente diminuita in seguito all’esodo giuliano dalmata, che avvenne dopo la Seconda Guerra Mondiale.

Cittanova è una bella cittadina di mare che guarda sul Golfo di Venezia.

Nel paese sono ancora presenti e ben visibili: le mura di cinta del Duecento, la Chiesa della Vergine Maria del Carmelo del Quattrocento, i palazzi del Settecento e Ottocento e molto altro ancora. Inserita in uno scenario naturale unico, offre ai suoi abitanti ed ai visitatori spiagge, mare ed un entroterra ricco di terre coltivate.

Il centro è facilmente raggiungibile da Trieste, da cui dista solamente una cinquantina di chilometri.