Descrizione Progetto

Santuario Madonna di Loreto

Il Santuario Madonna di Loreto è una chiesa che si trova sul versante ovest delle colline che guardano alla valle del Cervano, all’inizio della strada che arrivando da est e quindi da Vittorio Veneto, superato il Ponte Maset, sale verso le colline per raggiungere San Pietro di Feletto o Refrontolo e Pieve di Soligo.

Le prime informazioni sul Santuario risalgono al Trecento e riferiscono di una forte volontà popolare che portò all’edificazione della chiesa e che nel corso del tempo la abbellì e ne curò l’aspetto sia esternamente che internamente. La chiesetta è dedicata alla Santissima Vergine di Loreto nella Marca di Ancona e si trova adiacente ad un camposanto.

La chiesa con uno stile essenziale è caratterizzata esternamente da un pronao con quattro colonne che protegge fedeli e visitatori. All’interno mostra la sua bella navata, che termina con un presbiterio dove si trova l’altare.

Questo originariamente era in legno fino al 1873 quando un fulmine, caduto sul campanile, riuscì a bruciarlo senza però lesionare la Madonna di Loreto.

Nel 1874 grazie alle molte offerte dei fedeli, un nuovo altare di marmo di Carrara, sostituì quello bruciato. Nell’altare troviamo una raffigurazione della Vergine con il Bambino circondato dagli angeli, pala attribuita al pittore bellunese Francesco Frigimelica. Le pareti della chiesa sono coperte da quadri ex voto quasi tutti con un valore storico e qualcuno anche artistico. La maggior parte risalgono ai primi venticinque anni del Seicento.

Le misure della chiesa sono: lunghezza 17,3, larghezza 6,30 ed altezza 7,30.

Nel corso del tempo, la chiesetta vide molti pellegrini delle parrocchie limitrofe arrivare al Santuario, tra questi quelli di: Lago, Cozzuolo, Formeniga, Ceneda, Ogliano, San Pietro di Feletto, Refrontolo, ecc.

Sappiamo che in epoche remote le Messe venivano officiate da un sacerdote che aveva il titolo di Mansionario di Loreto, il quale abitava vicino al Santuario. Nel Settecento il Santuario venne inglobato nella parrocchia di Corbanese appena creata per cui fu l’arciprete di Corbanese ad officiare le varie funzioni nel Santuario compresa una Santa Messa ogni mercoledì.

La chiesa è accompagnata da un massiccio campanile. Anche a questo durante la Prima Guerra Mondiale i soldati dell’esercito Austro-Ungarico asportarono le campane. Nel 1922 ne vennero collocate di nuove dopo che furono realizzazione dalla ditta De Poli che aveva la sua fabbrica nella Vallata dei Laghi.

Piace ricordare che la campana maggiore venne dedicata alla traslazione della Casa di Nazaret ed a San Giuseppe e rappresenta la popolazione di Corbanese, la mezzana è dedicata alla Vergine Assunta in Cielo e rappresenta la popolazione che vive sui colli Piai e Castagnera, la piccola è dedicata agli Angeli Custodi ed è dedicata alla popolazione che abita sui colli Foltran e Mandragon.

Dove trovarla

Il Santuario Madonna di Loreto si trova in via Madonna di Loreto