Descrizione Progetto

La Villa Brandolini Rota-D’Adda si trova a Sacile e più precisamente nella frazione di Vistorta, nelle campagne a sud-ovest rispetto al centro cittadino.

La Villa fa parte di un grande complesso che occupa buona parte della località a ridosso del confine tra Friuli Venezia Giulia e Veneto.

La sua storia è legata a quella dell’omonima famiglia fin dalla sua costruzione iniziata nel corso del XIX secolo per volere del Conte Guido IX Brandolini. L’edificio si presenta come villa padronale veneta con barchesse, fienile, scuderie, granaio, cantine.

Nel 1872 la costruzione della Villa terminò. Villa ed edifici pertinenziali sono avvolti da un muro di cinta in pietra che segue completamente il perimetro del complesso che accoglie al suo interno un parco bellissimo. Sui quattro angoli delle mura, si possono vedere altrettante torrette. All’esterno sul lato che guarda alla montagna, corre la via principale che attraversa il borgo di Vistorta.

Sul lato a nord della strada, proprio di fronte alla tenuta, vi è anche una piccola cappella di antiche origini e restaurata recentemente dalla famiglia Brandolini dedicata alla Trasfigurazione di Gesù.

Sacile-microturismodellevenezie.it

Nel corso degli anni Cinquanta del Novecento, in occasione delle nozze fra Brando Brandolini D’Adda e Cristiana Agnelli, la villa venne ammodernata con nuovi arredi, suppellettili ed esternamente venne decorata in stile neoclassico. In quell’occasione, intervenne anche Lorenzo Mongiardino, amico della famiglia, scenografo ed architetto. Vennero piantati, come era tradizione nel Settecento ed Ottocento, tigli, querce, magnolie, faggi, olmi, abeti, cedri, con una configurazione tipica dei giardini veneti e friulani.

Nel 1965, l’architetto paesaggista inglese Russell Page riorganizzò ed ampliò il parco inserendo tra alberi centenari nuove essenze arboree, specchi e corsi d’acqua che si alimentano grazie alle fonti risorgive diffuse in questa zona.

In poco tempo, la villa riacquistò la sua centralità. Nel parco della Villa Brandolini Rota-D’Adda si trova una serra con altre piante anche particolari, fiori, ecc. che sanno donare emozioni e coinvolgere visitatori ed ospiti.

Nel corso degli anni Ottanta, Brandino Brandolini, dopo gli studi e le sue esperienze in terra Bordolese decise di riqualificare Vistorta sul modello francese, concentrando con successo l’attenzione su un grande vino rosso: il Merlot.

La Villa Brandolini Rota-D’Adda fa parte dei Grandi Giardini Italiani.

Dove trovarla

Villa Brandolini Rota-D’Adda si trova in via Strada Vistorta 82